blog

Disinfettare l’acqua della piscina operazione indispensabile

ESISTONO-ALTRI-METODI-DI-DISINFEZIONE-1200x675

DISINFETTARE L’ACQUA DELLA PISCINA OPERAZIONE INDISPENSABILE

Disinfettare l’acqua della tua piscina è un’operazione indispensabile, a prescindere dal sistema di filtrazione adottato. Eliminare solo le particelle in sospensione infatti non basta, perché la maggior parte dei virus e dei batteri resiste e rimane nell’acqua, a contatto con la nostra pelle. Per questo motivo è fondamentale ricorrere a un trattamento chimico, che è in grado di intervenire eliminando sia i microorganismi, sia le altre sostanze che potrebbero nuocere alla salute dei bagnanti.

…idee e design per la tua piscina…

Quattro fattori fondamentali

Esistono quattro fattori fondamentali da valutare quando ci si ritrova a dover scegliere il trattamento di disinfezione più adatto ed efficace per l’acqua della propria piscina: la velocità di azione del sistema disinfettante, lo spettro di azione su virus e batteri esistenti, la capacità ossidante e l’assenza di tossicità per i bagnanti.

Il cloro è senza alcun dubbio il metodo più semplice e utilizzato per la disinfezione dell’acqua della piscina, essendo di basso costo e facile reperibilità sul mercato. Nonostante ciò, a molti non è gradito sia per il suo odore pungente, sia perché spesso è la causa scatenante di irritazioni agli occhi e alla pelle. Eliminare microorganismi e sostanze estranee che potrebbero nuocere alla salute dei bagnanti è fondamentale. E allora che fare?

La ricerca di sistemi alternativi di disinfezione dell’acqua è un argomento sempre molto interessante. L’obiettivo della moderna ricerca è quello di diminuire l’uso di prodotti e composti chimici (magari risparmiando sulle spese di gestione della piscina) mantenendo comunque la sicurezza e l’igiene dell’acqua.

Il sistema di elettrolisi al sale, ad esempio, è un metodo per sanificare l’acqua della piscina che deriva dell’ecosistema marino. In questo caso la produzione di cloro si ottiene attraverso un processo chimico naturale: il sale viene trasformato in cloro gassoso, dopo aver purificato e disinfettato l’acqua. In buona sostanza, da una piccola quantità di salgemma è possibile generare il corretto dosaggio di disinfettante per la propria piscina. Essendo un dispositivo automatico, avvia e arresta automaticamente la produzione di disinfettante necessario a seconda del pH rilevato.

Altri prodotti impiegati per la disinfezione e il mantenimento dell’acqua in vasca sono:

  • bromo

Più stabile, anche ad alte temperature, e meno irritante per gli occhi e la pelle dei bagnanti, è un disinfettante più potente del cloro, facile da maneggiare, venduto sotto forma di pastiglioni da utilizzare tramite dosatori a lambimento per disinfettare e ossidare l’acqua delle piscine e delle spa.

  • ossigeno

Inodore, anallergico, non irrita occhi e pelle, non produce schiuma. Soddisfa tre esigenze fondamentali per quanto riguarda il trattamento dell’acqua, vale a dire l’ossidazione delle sostanze organiche, l’effetto disinfettante rapido e la sicurezza dei bagnanti. Ha funzione germicida, antialga e flocculante.

Il miglior metodo per la disinfezione della piscina familiare è però, senza ombra di dubbio, il sistema che impiega minerali di magnesio. Questo sistema riporta nella tua piscina i vantaggi delle acque termali e delle spa; rafforza il sistema immunitario, con effetto rilassante e antistress, cardiotonico e lenitivo per la pelle; è inoltre particolarmente indicato per le pelli più sensibili, visto che non è aggressivo.

Non sai cosa scegliere?

Hai ancora qualche dubbio?

Casareggio piscine l’importanza della garanzia

Rivolgiti a “Casareggio piscine“: gli specialisti della tua piscina!

3 pensieri su “Disinfettare l’acqua della piscina operazione indispensabile

I commenti sono chiusi.